CONTATTA UN ESPERTO

If you want to see the website in your language, click on "Continue":  English

Continue

Cerca la risposta che fa per te

Cosa stai cercando?

Una SIM card IoT ha copertura globale, rete multi-operatore e garantisce alti livelli di performance per ogni esigenza ed è gestita attraverso una piattaforma cloud IoT.
Una SIM card M2M permette a qualunque dispositivo elettronico, attraverso un software dedicato, di scambiare dati, informazioni e comandi con altri oggetti, persone o processi connessi.
M2M è acronimo di Machine to Machine e indica le tecnologie e i servizi che permettono il trasferimento automatico delle informazioni da macchina a macchina con limitata o nessuna interazione umana.
Una SIM card M2M ha copertura globale, rete multi-operatore e garantisce alti livelli di performance per ogni esigenza ed è gestita attraverso una piattaforma cloud IoT.
IoT è acronimo di Internet Of Things e indica un insieme di tecnologie che permettono di collegare a Internet qualunque tipo di dispositivo con lo scopo di monitorare, controllare e trasferire informazioni.
L’IoT connette gli oggetti, trasformandoli in risorse “intelligenti” che possono comunicare con persone, applicazioni o fra di essi. Permette che asset come automobili, edifici e macchine interagiscano fra di loro e con l’ambiente e il contesto circostante.
M2M è l’acronimo di Machine to Machine. Come dice il termine, il coinvolgimento umano proattivo raramente fa parte del processo di comunicazione a una o due vie.L’idea alla base della tecnologia è semplificare il modo in cui i dati vengono raccolti dai dispositivi fisici e incorporati nei sistemi IT [connettività], senza dover fare affidamento sulle persone per intervenire all’interno del processo.
IoT è l’acronimo di Internet of Things. La definizione tecnica di Internet of Things (IoT) è la rete di oggetti fisici accessibili tramite Internet. Questi oggetti contengono tecnologia incorporata che consente di interagire con gli stati interni o l’ambiente esterno. In altre parole, quando un oggetto può percepire e comunicare, cambia come e dove vengono adottate le decisioni e chi le crea.
Un cosiddetto SIM (Subscriber Identity Module) su una scheda SIM rimovibile memorizza in modo sicuro la chiave dell’abbonato al servizio (IMSI) utilizzata per identificare un abbonato a dispositivi di telefonia mobile (come computer) e telefoni cellulari.
Access Point Name o APN è il nome del punto di accesso per GPRS/3G/HSDPA/HSUPA/4G
Un punto di accesso è:
• Una rete Internet a cui può essere collegato un dispositivo mobile
• Una serie di impostazioni utilizzate per tale connessione
• Una particolare opzione in una serie di impostazioni di un telefono cellulare
Il vantaggio è che il traffico è sicuro e non passa mai a una rete pubblica, rimanendo completamente su GPRS/3G/4G. Ciò riduce la complessità del percorso di comunicazione ed è un punto di guasto in meno nel sistema. Poiché è sicuro, ciò significa che non è aperto ad attacchi di parti esterne, come spammer o attività basate sui virus.
Ogni macchina su Internet ha un numero identificativo univoco, chiamato indirizzo IP. Un tipico indirizzo IP ha questo aspetto:
216.27.61.137
Per semplificare la memorizzazione, gli indirizzi IP vengono normalmente espressi in formato decimale come “numero decimale puntato” come illustrato sopra.Un modo semplice per capire che cosa sia un indirizzo IP è confrontarlo con un indirizzo postale. L’indirizzo IP contiene il paese, la regione, la città, la via e il numero civico. Con queste informazioni, i dati possono essere indirizzati a tutte le macchine. Se una macchina non ha un indirizzo IP, nessun dato sarà in grado di raggiungerla.
Gli indirizzi IP pubblici sono indirizzi IP visibili al pubblico. Poiché questi indirizzi IP sono pubblici, consentono ad altre persone di conoscere e accedere al dispositivo, come un server web.
Ogni operatore di rete ha un APN pubblico. Quando la scheda SIM è abilitata per i dati, ad esempio GPRS/3G, ecc., l’APN pubblico viene aggiunto per impostazione predefinita. Un APN pubblico è accessibile a tutti.
Un indirizzo IP è considerato privato se il numero IP rientra in uno degli intervalli di indirizzi IP riservati per uso privato dai gruppi di standard Internet. Questi intervalli di indirizzi IP privati esistono nei seguenti intervalli:

da 10.0.0.0 a 10.255.255.255
da 169.254.0.0 a 169.254.255.255 (solo APIPA)
da 172.16.0.0 a 172.31.255.255
da 192.168.0.0 a 192.168.255.255

Gli indirizzi IP privati sono in genere utilizzati su reti locali comprese le reti domestiche, scolastiche e commerciali, tra cui aeroporti e alberghi. I dispositivi con indirizzi IP privat non possono connettersi direttamente a Internet. Analogamente, i computer al di fuori della rete locale non possono connettersi direttamente a un dispositivo con un IP privato. Invece, l’accesso a tali dispositivi deve essere mediato da un router o dispositivo simile che supporti Network Address Translation (NAT). NAT nasconde i numeri IP privati ma può trasferire selettivamente i messaggi a questi dispositivi, offrendo un livello di sicurezza alla rete locale.
Un indirizzo IP fisso si chiama talvolta indirizzo IP statico. È un indirizzo assegnato a un computer da un provider di servizi Internet (ISP) come indirizzo permanente su Internet. I computer usano gli indirizzi IP per localizzarsi e parlare tra di loro su Internet, nello stesso modo in cui le persone usano i numeri di telefono per localizzarsi e parlarsi al telefono. La macchina manterrà quell’indirizzo IP indipendentemente dal numero di volte in cui si connette/disconnette da una rete.
In termini semplici è l’opposto di un indirizzo IP fisso. Quando una macchina si connette alla rete, le viene assegnato un indirizzo IP. Tuttavia, quando la macchina si disconnette, perde l’indirizzo IP. Alla successiva connessione della macchina, rileverà un nuovo indirizzo IP.
Con un indirizzo IP pubblico fisso, è possibile connettersi al proprio dispositivo da qualsiasi computer ovunque. Non è necessario impostare un tunnel VPN. Questa è una soluzione ideale per i clienti che non dispongono di un firewall o che non richiedono la configurazione di un tunnel VPN di qualche tipo. Tuttavia, poiché si tratta di un indirizzo IP pubblico, il dispositivo è aperto a chiunque possa connettersi se conosce l’indirizzo IP. Pertanto, la sicurezza è ridotta per il cliente. Se si dispone di un router 3G/GPRS, si consiglia vivamente di impostare una pagina di accesso in modo da poter interrompere l’accesso non autorizzato.
L’indirizzo IP per il dispositivo è “nascosto”. Di conseguenza, non è possibile accedere al dispositivo da qualsiasi computer, a meno che non sia stato installato un tunnel VPN sicuro tra il dispositivo e la macchina. Ciò crea un ulteriore livello di sicurezza per coloro che ritengono che i loro dati siano altamente sensibili.
Una VPN è una rete privata che utilizza una rete pubblica (solitamente Internet) per connettersi a dispositivi con indirizzi IP privati da una macchina sulla LAN o da casa. Anziché utlizzare una connessione dedicata, reale come una linea dedicata, una VPN utilizza connessioni “virtuali” instradate attraverso Internet dalla rete privata dell’azienda al dispositivo remoto. Il tunnel VPN verrebbe utilizzato per coloro che hanno un indirizzo IP privato sulle loro SIM.
Un tunnel VPN da sito a sito è il luogo in cui vengono utilizzati due firewall per creare un tunnel VPN. In Things Mobile utilizziamo i tunnel VPN IPSEC. Configuriamo un firewall dalla nostra parte e quindi inviamo i parametri di configurazione al cliente. Il cliente deve quindi inserire i parametri di configurazione sul proprio firewall/router. Ciò consente a qualsiasi macchina sulla LAN di un’azienda di connettersi ai propri dispositivi con le nostre SIM IoT e M2M e viceversa. Questa è una connessione VPN sempre attiva. Per creare un tunnel da sito a sito, i clienti devono disporre di un firewall/router dell’hardware in grado di configurare un tunnel VPN IPSEC.
GPRS è l’acronimo di General Packet Radio Service. Si tratta di una tecnologia wireless utilizzata da reti GSM (Global System for Mobile) che consente la comunicazione Internet e di altri dati.
3G significa terza generazione, un termine generico del settore wireless per la consegna di dati mobili ad alta velocità su reti mobili. [connettività a banda larga end-to-end] Le reti 3G consentono agli utenti di inviare e ricevere informazioni ad alta intensità di banda, come video, videoconferenze, audio di alta qualità e dati web su richiesta, praticamente sempre e ovunque.
L’HSDPA (High-Speed Downlink Packet Access) è un nuovo protocollo di telefonia mobile ed è talvolta denominato tecnologia 3.5G (o 3½G). L’HSDPA fornisce un percorso evolutivo fluido per le reti UMTS (Universal Mobile Telecommunications System) che consentono una maggiore capacità di dati (fino a 14,4 Mbit/s per cella nel downlink e 2 Mbit/s per cella nell’uplink).
L’HSUPA (High-Speed Packet Access) è un protocollo di telefonia mobile 3G della famiglia HSPA con velocità di up-link fino a 5.76 Mbit/s.
La comunicazione GSM (Global System for Mobile), la tecnologia digitale di seconda generazione sviluppata originariamente per l’Europa, ma che ora copre oltre il 71% del mercato mondiale. Inizialmente sviluppata per funzionare nella banda a 900 MHz e successivamente modificata per le bande a 850, 1800 e 1900MHz. In origine, GSM era l’acronimo di Groupe Speciale Mobile, il comitato CEPT che ha avviato il processo di standardizzazione GSM.
HLR è l’acronimo di “Home Location Register”, il database di rete che contiene i dettagli di ogni scheda SIM del cliente. Quando un cliente desidera accedere a un servizio, la rete controlla l’HLR per verificare se il cliente sia autorizzato a farlo. Tiene inoltre traccia delle posizioni dei clienti in modo che le chiamate e gli SMS in entrata possano essere collegati.
È un numero che identifica in modo univoco un abbonamento in una rete mobile GSM o UMTS. In poche parole, è il numero di telefono della scheda SIM di un dispositivo mobile/telefono cellulare.
4G è la rete di telefonia mobile che utilizza Internet con velocità cinque volte più veloce rispetto al 3G. È adatta ad applicazioni di dati di volume maggiore.
ll 5G è il nuovo standard per la comunicazione mobile: assicura una velocità di download e upload molto elevata e permette di interagire con i dispositivi IoT. La caratteristica del 5G che lo differenzia dai precedenti standard comunicativi (2G, 3G, 4G) è la velocità di connessione che è tra le 100 e le 1000 volte più veloce rispetto al 4G LTE. Per raggiungere velocità così elevate si utilizza uno spettro di frequenza finora mai utilizzato. Il 5G sfrutta le onde millimetriche, vale a dire onde radio tra 30 e 300 GHz.
La caratteristica del 5G che lo differenzia dai precedenti standard comunicativi (2G, 3G, 4G) è la velocità di connessione che è tra le 100 e le 1000 volte più veloce rispetto al 4G LTE. Le differenze con la generazione precedente non hanno però ricadute solo nel campo delle prestazioni, ma anche strutturali. La prima distinzione è che la nuova rete viaggia sfruttando onde radio differenti dal 4G e frequenze molto più alte. Questo significa che, con la quinta generazione, abbiamo obbligatoriamente bisogno di smartphone e dispositivi dotati di un'antenna 5G.  Il passaggio generazionale è non così indolore come lo è stato tra il 3G e il 4G, che utilizzano gli stessi dispositivi. Quarta e quinta generazione sono differenti anche perché diversa è la natura delle infrastrutture che utilizzano. Mentre, infatti, la linea 4G sfrutta la fibra ottica attraverso un reticolato di cavi che arrivano sino alle torri in diversi punti dislocati nel territorio, la linea 5G si muove con il wireless. Si sposta da un antenna all’altra senza l’uso di fili. Anche in questo caso si ha la necessità di creare differenti punti di stazionamento, che hanno un impatto ambientale più basso. I vantaggi della nuova rete, oltre ad una maggiore velocità, è ciò che viene chiamato iperconnessione, che rientra nell’idea dell’internet of things, la connessione degli oggetti attraverso la rete. Questo progetto prevede miliardi di dispositivi connessi globalmente e ha la necessità di tempi di risposta rapidi. Per fare un esempio, possiamo pensare ad una casa in cui gli oggetti di uso comune sono tutti connessi e interattivi tra loro e rispondono a comandi invitati tramite la rete stessa. Ciò su cui ci si sta concentrando, quindi, non è tanto la velocità vera e propria, ma la possibilità di creare comunicazioni più efficienti tra i diversi dispositivi. In questo senso il nuovo standard promette di cambiare notevolmente il nostro quotidiano. Tutto intorno a noi sarà connesso costantemente a internet e ogni oggetto sarà controllabile in remoto. Da qualunque parte del mondo.
Il Portale IoT / Piattaforma IoT è una piattaforma di gestione per le SIM card e i dispositivi IoT e M2M. Il Portale IoT di Things Mobile è una soluzione mirata e di facile utilizzo che offre connettività globale e gestione delle SIM card in tutto il mondo, senza costi aggiuntivi. Con Things Mobile, indipendentemente dal numero di SIM card, si accelera il time to market, si riducono i costi e si aumenta l’affidabilità con la gestione automatizzata della connettività. Per i possessori di SIM card IoT e M2MT di tutte le dimensioni, non esiste un’altra piattaforma così flessibile o su misura per il mercato.
Quando viene acceso un dispositivo basato su SIM card, esegue una procedura di aggiornamento della posizione indicando la sua IMSI alla rete. La prima procedura di aggiornamento della posizione è denominata “procedura di collegamento IMSI”. Quando il dispositivo viene spento, esegue una “procedura di scollegamento IMSI” per comunicare alla rete che non è più connesso. Quando un dispositivo viene acceso in una nuova rete (ad esempio, l’utente si è trasferito in un nuovo paese) o l’utente si sposta su una rete mobile di un altro operatore, l’abbonato deve registrarsi con la nuova rete per indicare la sua posizione corrente.
Gli aggiornamenti di posizione vengono sempre attivati dal dispositivo basato su SIM card. Quando un dispositivo si sposta tra diverse aree di posizione, genererà un nuovo aggiornamento di posizione.
Un aggiornamento della SIM card prova ad attivare una posizione di annullamento che arresta tutte le sessioni aperte, provocando l’invio di una richiesta di aggiornamento della SIM reimpostando gli APN a livello di rete.
Le SIM card sono disponibili in quattro dimensioni:  
1FF: 85,6 mm × 53,98 mm × 0,76 mm (non più utilizzata nelle applicazioni moderne)
2FF: 25mm x 15mm x 0.76mm - Mini
3FF: 15mm x 12mm x 0.76mm - Micro
4FF: 12,3 mm × 8,8 mm × 0,67 mm - Nano
La scelta della dimensione della SIM card (2FF - 4FF) dipende esclusivamente dalle dimensioni del dispositivo. Sono disponibili anche SIM card  industriali nei fattori di forma 2FF - 4FF in grado di resistere alla corrosione, vibrazioni e altri fattori ambientali e condizioni di temperatura estreme (-40 ° C e + 105 ° C).
Le SIM integrate sono in genere la scelta più comune per le applicazioni M2M perché sono sigillate sottovuoto e possono essere saldate direttamente sulla scheda del dispositivo. Ciò aumenta l'affidabilità in termini di riduzione del malfunzionamento dovuto a urti, corrosione e altri fattori ambientali. Inoltre, il ciclo di vita di una SIM integrata è in genere di 10 anni, più lungo di quello di un fattore di forma standard; questo significa che in genere non dovrai sostituire la SIM durante il ciclo di vita del tuo dispositivo. Inoltre, le specifiche SIM incorporate di GSMA forniscono un meccanismo standard per il provisioning e la gestione da  remoto delle connessioni M2M. Ciò consente il provisioning "over the air" della SIM, il che significa che è possibile eseguire il provisioning da remoto della SIM per connettersi a un operatore iniziale e successivamente modificare l'abbonamento da un operatore all'altro. In genere, con i fattori 2FF - 4FF, le SIM card sono bloccate al provider di connettività da cui sono originate, il che significa che per cambiare provider  è necessario sostituire fisicamente tutte le SIM card.La possibilità di eseguire il provisioning della SIM OTA integrata è di vitale importanza per le distribuzioni M2M per due motivi principali:Costo: acquistare tutte le nuove SIM per ciascuno dei tuoi dispositivi è un esercizio scomodo e costoso.Accesso: l'accesso fisico a tutti i tuoi dispositivi per scambiare le SIM può essere praticamente impossibile in molti casi di distribuzione M2M a causa della diffusione di risorse a livello globale, a volte in località molto remote. Un altro importante vantaggio delle SIM integrate è la sicurezza fisica. Saldare la SIM direttamente sul circuito stampato del dispositivo rende impossibile a chiunque manomettere il dispositivo per rimuovere la SIM per uso improprio.
Una eSIM (Embedded Subscriber Identity Module) è fisicamente integrata nel terminale mobile e non può essere rimossa per essere sostituita con un’altra SIM. La eSIM è la transizione dalla SIM tradizionale, estraibile, ad una SIM inserita in modo non asportabile dal dispositivo mobile. La eSIM elimina la necessità di utilizzare il supporto fisico esterno rimovibile UICC (Universal Integrated Circuit Card). Le credenziali, i parametri di sicurezza e l’IMSI (International Mobile Subscriber Identity) sono inserite nella eUICC che è parte integrante del dispositivo.
L'eUICC è il codice che identifica la singola eSIM in accordo con la specifica tecnica del GSMA facente riferimento alla Raccomandazione ITU E.118.
Il codice ICCID (acronimo di Integrated Circuit Card ID) è un numero di 19 cifre (20 cifre nel caso degli operatori virtuali), divise in quattro gruppi, che permette agli operatori telefonici di identificare univocamente la SI cardM:
il primo gruppo identifica la natura dei servizi per i quali viene utilizzata la SIM card
il secondo gruppo identifica il Paese
il terzo gruppo identifica l’operatore
il quarto gruppo è un progressivo tra quelli a disposizione dell’operatore
MQTT (ISO/IEC PRF 20922) è un protocollo binario di trasmissione dati client-server leggero, semplice e realizzato per essere implementato rapidamente anche in progetti già finiti. Queste caratteristiche lo rendono ideale per essere usato in molteplici situazioni come per esempio gli ambienti di comunicazione Macchina-Macchina (M2M) e l'Internet delle Cose, dove è maggiormente richiesto un certo risparmio sia nel codice eseguito sui dispositivi sia nella banda di comunicazione per interscambio dati in condizioni critiche come la comunicazione in tempo reale. MQTT è attualmente usato da un po tutti i servizi cloud e si candida a diventare il protocollo di riferimento per la trasmissione massiccia di dati in tempo reale.
Narrowband Internet of Things (NB-IoT) è uno standard di tecnologia radio LPWAN (Low Power Wide Area Network) sviluppato da 3GPP per consentire la comunicazione per un'ampia gamma di dispositivi e servizi cellulari, le cui specifiche sono state congelate in 3GPP Release 13 (LTE Advanced Pro), nel giugno 2016. Altre tecnologie IoT 3GPP includono eMTC (enhanced Machine-Type Communication) e EC-GSM-IoT. NB-IoT utilizza un sottoinsieme dello standard LTE, con una larghezza di banda di 200 kHz ed utilizza la modulazione OFDM per la comunicazione in scaricamento dati e SC-FDMA per le comunicazioni in invio dati.
LoRaWAN è una tecnologia Low power wide area che sere a riempire il vuoto esistente tra le tecnologie di comunicazione cellulare a lungo raggio (3G e 4G LTE) e quelle wireless a breve e brevissima distanza (Bluetooth, Wi-Fi e, in alcuni casi, NFC). LoRaWan e le altre tecnologie LPWAN (SigFox, NBIoT) sono nate per facilitare lo sviluppo di reti nei quali i nodi rchiedono "bassa mobilità" e scambio dati molto limitato, e sono caratterizzate da un consumo energetico molto basso. LoRaWAN è una specifica LPWAN che consente ai dispositivi alimentati a batteria di connettersi a una rete IoT su un lungo raggio, utilizzando una larghezza di banda ridotta, in una rete regionale, nazionale o globale. Si tratta di uno standard aperto a basso costo, E' una rete gratuita che non richiede abbonamenti per il consumo dei dati. Si noti che mentre i termini "LoRa" e "LoRaWAN" sono spesso usati come sinonimi, i due si riferiscono a cose diverse. LoRa è il livello fisico o la modulazione wireless. LoRa si basa su modulazioni chirp Spread Spectrum. Lo spread spectrum Chirp è stato utilizzato nella comunicazione militare e spaziale per decenni a causa delle lunghe distanze di comunicazione che possono essere raggiunte e per la robustezza alle interferenze. LoRaWAN è un protocollo specifico costruito sulla base della tecnologia LoRa sviluppata dalla LoRa Alliance.
SIGFOX è una rete di telecomunicazione dedicata all’ Internet delle cose. Si tratta di una rete gestita, il che significa che l’utente non avrà necessità di gestire alcuna attività di installazione o di manutenzione. La tecnologia SIGFOX funziona in maniera trasparente, out-of-the-box, consentendo così allo sviluppatore di concentrarsi sul contenuto core del suo progetto, senza preoccuparsi della comunicazione. Si tratta di una rete LPWA (Low Power Wide Area), attualmente presente in Europa occidentale, San Francisco, ed in fase test in Sud America e Asia. La tecnologia SIGFOX permette una comunicazione bidirezionale, da e verso il dispositivo. La comunicazione viene sempre avviata dal dispositivo.
ZigBee rappresenta un insieme di protocolli di comunicazione ad alto livello che fanno uso di antenne digitali a bassa potenza e si basa sullo standard IEEE 802.15.4 per WPAN (wireless personal area network). I dispositivi ZigBee sono caratterizzati da un consumo di energia molto basso che permette quindi di estendere, in modo considerevole, la durata di vita della loro batteria. I dispositivi ZigBee vantano un gran numero di applicazioni: essi sono ideali per una rete informatica casalinga e vengono utilizzati per i sistemi di sicurezza intelligenti la per la casa, per gli elettrodomestici automatici, per i rivelatori di fumo e di monossido di carbonio wireless e per il controllo dell’ ambiente.
Da una parte c’è l’IoT (Internet of Things), con i suoi oggetti connessi come automobili, impianti, elettrodomestici, sensori, dall’altra c’è l’utilizzo sempre più diffuso dei social media, di smartphone e di Internet che generano costantemente dati. Il volume dei dati prodotti in tutto il mondo sta crescendo in modo vertiginoso assumendo caratteristiche di Big Data. Un acronimo che è infatti sinonimo di volume, velocità, varietà, variabilità e viralità dei dati.
Diventa quindi sempre più strategico per un’azienda raccogliere ed interpretare i Big Data provenienti anche dall’IoT per metterli in correlazione con quelli già presenti negli sistemi aziendali, fornendo una visione ancora più realistica ed utile al processo decisionale. Diventa altrettanto strategico disporre di soluzioni ottimali di BI avanzata per raccogliere, storicizzare, manipolare e valorizzare questi dati, fondendo tecnologie di raccolta dati IoT, Big Data, Cloud, Business ed Advanced Analytics.
Il Cloud non è un'entità fisica, ma è una vasta rete di server remoti ubicati in tutto il mondo, collegati tra loro e che operano come un unico ecosistema. Questi server possono archiviare e gestire dati, eseguire applicazioni o distribuire contenuti o servizi, ad esempio video in streaming, posta elettronica Web, software di produttività aziendale o social media. Anziché accedere a file e dati da un computer locale,è possibile accedervi online, da qualsiasi dispositivo con connessione Internet, e le informazioni saranno disponibili ovunque.
Il Fog Computing (o Fog) è un'architettura orizzontale, a livello di sistema, utile a distribuire senza soluzione di continuità risorse e servizi di calcolo, immagazzinamento di dati, controllo e funzionalità di rete sull'infrastruttura che connette il Cloud all'Internet delle Cose (IoT). Il Fog rappresenta al tempo stesso un'estensione e un miglioramento del paradigma Cloud in supporto ad applicazioni IoT che debbano rispettare precisi parametri di Qualità di Servizio (QoS) per essere processati, quali latenza e banda disponibili per una certa connessione.
L’Edge Computing si riferisce al processo di elaborazione dei dati in prossimità dell’edge di rete, dove vengono generati, anziché in un warehouse centralizzato. L’Edge Computing è un’architettura IT distribuita e aperta con potenza di elaborazione decentralizzata, predisposta per le tecnologie di mobile computing e Internet of Things (IoT). Nell’Edge Computing, i dati sono elaborati dal dispositivo stesso o da un computer o server locale, invece di essere trasmessi al data center.
L'Intelligenza Artificiale (AI) consente alle macchine di imparare dall'esperienza, di adeguarsi a nuove informazioni ricevute e svolgere compiti simili a quelli dell'uomo. La maggior parte degli esempi di AI di cui sentiamo parlare oggi, dai programmi per giocare a scacchi alle auto con guida autonoma, si basano principalmente sul deep learning (apprendimento profondo) e sul natural language processing (elaborazione del linguaggio naturale). Utilizzando queste tecnologie, i computer possono imparare a svolgere compiti specifici elaborando grandi quantità di dati e riconoscendo i modelli nei dati.
Stanno aumentando gli impieghi dell’Intelligenza Artificiale (AI) all’interno delle soluzioni di Internet of Things (Smart Factory, Smart Retail, Smart City). Il Machine Learning e le altre tecniche di apprendimento alla base dell’Artificial Intelligence svolgeranno un ruolo sempre più rilevante nella soddisfazione dei bisogni di aziende e consumatori.
Un Gateway è un dispositivo di rete che collega due reti informatiche di tipo diverso operando sia al livello di rete che ai livelli superiori. Il suo scopo principale è quello di veicolare i pacchetti di rete all'esterno di una rete locale (LAN).
A differenza delle normali SIM card Voce e Dati, le SIM card solo Dati consentono di navigare in Internet e quindi, più che agli smartphone, sono dedicate soprattutto ai tablet, alle Internet Key e ai dispositivi IoT e M2M.
Il Router è un dispositivo, che in una rete informatica si occupa di incanalare il traffico tra due o più dispositivi connessi alla stessa rete o nelle sottoreti.
Il Modem è un dispositivo che trasforma la connessione in entrata (cavo coassiale, linea telefonica, fibra ottica o altro) in una connessione Ethernet, che consente al router di connettersi a Internet.
SMS è l'acronimo inglese di Short Message Service, che è il nome tecnico di “messaggio di testo”. Gli SMS sono l'applicazione dati più utilizzata al mondo. È possibile per gli utenti inviare messaggi di testo tra cellulari o da computer a cellulare o a un dispositivo IoT e M2M.
Nel settore delle telecomunicazioni, l'Operatore Virtuale, molte volte chiamato anche MVNO (acronimo di Mobile Virtual Network Operator), è una società che offre servizi di telefonia senza avere nessuna licenza per lo spettro radio e/o la relativa infrastruttura necessaria per erogarli.
L’IIoT consiste in apparecchiature connesse a Internet e piattaforme di analisi avanzate che elaborano i dati prodotti. I dispositivi IIoT spaziano da piccoli sensori ambientali a robot industriali complessi. Nonostante la parola “industriale” possa far pensare a magazzini, cantieri navali e fabbriche, le tecnologie IIoT si annunciano molto promettenti per un’ampia gamma di settori, tra cui l’agricoltura, la sanità, i servizi finanziari, la vendita al dettaglio e la pubblicità.
Un allarme è un sistema elettronico anti intrusione. Può impiegare sensori collegati via fili, ovvero cablati, e sistemi non collegati con fili, ma dotati di trasmissione wireless.
Un antifurto è un sistema elettronico anti intrusione. Può impiegare sensori collegati via fili, ovvero cablati, e sistemi non collegati con fili, ma dotati di trasmissione wireless.
Il funzionamento di un antifurto in genere, è pensato in modo semplice e intuitivo, per agevolare gli utilizzatori finali. La centralina viene collegata ad una serie di componenti accessori, tramite un cavo oppure con il sistema wireless. Ognuno degli accessori svolge una singola funzione, fondamentale per il corretto funzionamento del sistema di allarme.
La "centralina d'allarme" rappresenta il “cervello” dell’impianto di sicurezza, ed è a questo dispositivo che si collegano tutti gli altri, per rendere completo e funzionante l’antifurto. Controllabile tramite telecomandi, chiavi elettroniche e a distanza tramite un modulo 3G/4G connesso con una SIM card IoT, la centralina attiva o disattiva l’allarme, registrand ed inviandoo anche eventuali problematiche tecniche. Il collegamento tra la centralina e i sensori e le telecamere, le sirene e i contatti magnetici situati su porte e finestre, è fondamentale per evitare ogni intrusione indesiderata.
Ogni eventuale intrusione viene rilevata dai sensori di movimento, basilari per il corretto funzionamento di un antifurto. I movimenti di un corpo umano vengono rilevati e poi comunicati alla centralina, per avviare l’allarme. È importante che siano tarati perfettamente, in modo da garantire reali rilevamenti e non produrre falsi allarmi per animali in movimento, uccellini, arbusti scossi dal vento, etc. Ottimi rilevatori sono i modelli PIR a raggi infrarossi e le barriere anti-intrusione.
La sirena è la classica componente che tutti riconoscono anche visivamente, per segnalare la presenza di un antifurto in casa o presso altri edifici. Le sirene possono essere anche numerose, posizionate in luoghi strategici per emettere segnali sia visivi che acustici. In entrambi i casi, allontanano eventuali malintenzionati e segnalano ai vicini di casa il tentativo di furto.
Il funzionamento di un allarme in genere, è pensato in modo semplice e intuitivo, per agevolare gli utilizzatori finali. La centralina viene collegata ad una serie di componenti accessori, tramite un cavo oppure con il sistema wireless. Ognuno degli accessori svolge una singola funzione, fondamentale per il corretto funzionamento del sistema di allarme.
La "centralina d'allarme" rappresenta il “cervello” dell’impianto di sicurezza, ed è a questo dispositivo che si collegano tutti gli altri, per rendere completo e funzionante l’antifurto. Controllabile tramite telecomandi, chiavi elettroniche e a distanza tramite un modulo 3G/4G connesso con una SIM card IoT, la centralina attiva o disattiva l’allarme, registrand ed inviandoo anche eventuali problematiche tecniche. Il collegamento tra la centralina e i sensori e le telecamere, le sirene e i contatti magnetici situati su porte e finestre, è fondamentale per evitare ogni intrusione indesiderata.
Ogni eventuale intrusione viene rilevata dai sensori di movimento, basilari per il corretto funzionamento di un antifurto. I movimenti di un corpo umano vengono rilevati e poi comunicati alla centralina, per avviare l’allarme. È importante che siano tarati perfettamente, in modo da garantire reali rilevamenti e non produrre falsi allarmi per animali in movimento, uccellini, arbusti scossi dal vento, etc. Ottimi rilevatori sono i modelli PIR a raggi infrarossi e le barriere anti-intrusione.
La sirena è la classica componente che tutti riconoscono anche visivamente, per segnalare la presenza di un antifurto in casa o presso altri edifici. Le sirene possono essere anche numerose, posizionate in luoghi strategici per emettere segnali sia visivi che acustici. In entrambi i casi, allontanano eventuali malintenzionati e segnalano ai vicini di casa il tentativo di furto.
Un impianto antintrusione è un sistema d’allarme, composto da vari dispositivi che segnalano un'intrusione non autorizzata all’interno di un edificio o di un’area protetta. Tra le tipologie di impianti troviamo:
1) i sistemi a filo, detti anche filari o cablati; 2) i sistemi wireless, senza fili o via radio; 3) i sistemi ibridi incorporano la tecnologia radio con quella filare.
Le diverse tipologie di impianto si distinguono tra di loro, esclusivamente, per il metodo di trasferimento dei segnali tra i vari dispositivi che costituiscono l’impianto stesso.
All'interno di una centrale di allarme è necessario inserire una SIM card per l'invio degli avvisi in caso di intrusione e per poterla gestire da remoto. Il migliore operatore di telefonia mobile per questo tipo di applicazione è Things Mobile, che ha copertura globale, rete multi-operatore GSM/2G/3G/4G LTE,  è senza costi fissi, ha le tariffe più competitive di tutti e la SIM card non ha scadenza.
All'interno di una centrale di antifurto è necessario inserire una SIM card per l'invio degli avvisi in caso di intrusione e per poterla gestire da remoto. Il migliore operatore di telefonia mobile per questo tipo di applicazione è Things Mobile, che ha copertura globale, rete multi-operatore GSM/2G/3G/4G LTE,  è senza costi fissi, ha le tariffe più competitive di tutti e la SIM card non ha scadenza.
Il GPS tracker è un dispositivo innovativo di ultima generazione capace di monitorare e tracciare gli spostamenti di oggetti o persone mediante i segnali del GPS (Global Positioning System) e di chip elettronici integrati, in grado di gestire i dati ricevuti tramite rete GSM/GPRS della telefonia mobile. La posizione localizzata e i relativi dati vengono poi trasmessi a uno o più dispositivi cellulari dotati di messaggistica SMS o MMS e contenenti i dati delle coordinate geografiche, che vengono poi decodificati e tracciati su pc/monitor/applicazioni, grazie a software specificatamente dedicati.
Il localizzatore GPS è un dispositivo elettronico che sfruttando il sistema globale di posizione noto come GPS (Global Positioning System) è in grado di localizzare e quindi scoprire la posizione di una persona , di un’automobile, animale o anche di una microspia GSM, in qualsiasi situazione meteorologica e su tutto il pianeta e di trasmettere i dati rilevati a un interlocutore prefissato.
Il Global Positioning System, noto come GPS, è un sistema di posizionamento terrestre di elevatissima tecnologia avanzata, ideato e costruito dal Dipartimento Ministeriale della Difesa USA per fini militari, e successivamente reso di libero accesso a chiunque sia dotato di un ricevitore satellitare. Tra i molteplici usi civili, senza entrare nel merito dei delicati usi in ambito strategico e della sicurezza, chiunque con un ricevitore GPS è in grado di sapere dove si trova grazie ai 24 satelliti operativi in orbita e tre di riserva che ruotano con orbite circolari su sei piani orbitali paralleli inclinati di 55° rispetto al piano equatoriale.
All'interno di un GPS tracker è necessario inserire una SIM card per la localizzazione del dispositivo e per poterlo gestire da remoto. Il migliore operatore di telefonia mobile per questo tipo di applicazione è Things Mobile, che ha copertura globale, rete multi-operatore GSM/2G/3G/4G LTE,  è senza costi fissi, ha le tariffe più competitive di tutti e la SIM card non ha scadenza.
All'interno di un localizzatore GPS è necessario inserire una SIM card per la localizzazione del dispositivo e per poterlo gestire da remoto. Il migliore operatore di telefonia mobile per questo tipo di applicazione è Things Mobile, che ha copertura globale, rete multi-operatore GSM/2G/3G/4G LTE,  è senza costi fissi, ha le tariffe più competitive di tutti e la SIM card non ha scadenza.
Lo steering del rooming, o "roaming preferito", è il processo con il quale un operatore di telefonia mobile decide quale partner utilizzare quando una SIM card si trova in roaming e in genere tale scelta viene fatta per trarre vantaggio da prezzi migliori dei partner.
Per questa ragione, noti il nome della cella e le sue coordinate, considerata la distanza alla quale la cella permette la comunicazione con il cellulare prima che quest’ultimo ne agganci un’altra, si può sapere approssimativamente a quale distanza massima si trova il dispositivo. La triangolazione GSM determina approssimativamente la distanza di un dispositivo GMS dalla cella a cui è connesso. Grazie alla connessione dei dispositivi GSM a più celle e con l’utilizzo di algoritmi matematici si è in grado di determinare (con un errore di qualche km) la posizione del dispositivo. La posizione viene trovata grazie alle informazioni che sono disponibili nella rete GSM.
La triangolazione GSM determina approssimativamente la distanza di un dispositivo GMS dalla cella a cui è connesso. Grazie alla connessione dei dispositivi GSM a più celle e con l’utilizzo di algoritmi matematici si è in grado di determinare (con un errore di qualche km) la posizione del dispositivo. La posizione viene trovata grazie alle informazioni che sono disponibili nella rete GSM.
Cella omnidirezionale: Se la cella é di tipo omnidirezionale, é possibile conoscere la posizione con precisione massima pari al raggio della cella stessa. Il dispositivo é quindi all’interno della zona di copertura della cella. Una cella omnidirezionale é creata da antenne che irradiano in tutte le direzioni indistintamente.
Cella omnidirezionale e timing advance: Per aumentare la precisione di localizzazione si può ricorrere al timing advance. La rete, stimolando il dispositivo ad una connessione, stima la distanza, calcolando i tempi di ritardo nella trasmissione. La zona di localizzazione si riduce da un cerchio ad una corona circolare. Il dispositivo é quindi all’interno della corona circolare.
Cella settore: Se il sito irradia più settori, é possibile localizzare il dispositivo con la precisione massima del settore circolare coperto dalla cella. Il dispositivo é quindi all’interno del settore circolare.
Cella settore e timing advance: Per aumentare la precisione di localizzazione si può ricorrere anche in questo caso al timing advance. La zona di localizzazione si riduce da un settore circolare, ad un settore di corona circolare. Il dispositivo é quindi all’interno del settore di corona circolare.
La quantità di traffico dati (MB) che utilizza un GPS tracker dipende dal modello e dalla configurazione e in genere è compresa tra 1 e 10 MB al mese, ma in alcuni casi tale consumo può essere superiore, in particolare quando il dispositivo è configurato per inviare una quantità di dati maggiore e con una frequenza più elevata. Si consiglia di chiedere al produttore o di consultare il manuale.
2G:
Massima velocità di download: 40 kpbs
Velocità massima di upload: 20 kpbs

3G:
Massima velocità di download: 700 kbps
Massima velocità di upload: 380 kbps

4G LTE:
Massima velocità di download: 150 Mbps
Velocità massima di upload: 86 Mbps

5G:
Massima velocità di download: 20 Gbps
Velocità massima di upload: 10 Gbps
Nell'ambito delle reti informatiche, il network address translation (abbreviato in NAT e traducibile in italiano con “traduzione degli indirizzi di rete”) è un meccanismo che permette di modificare l'indirizzo IP dei pacchetti in transito attraverso apparati di rete – come router o firewall – all'interno di una comunicazione in corso tra due o più nodi della rete. Il meccanismo del NAT è diventato fondamentale nel momento in cui gli indirizzi IP del protocollo IPv4 hanno cominciato a scarseggiare. L'aumento esponenziale dei dispositivi connessi alla Rete ha fatto sì che gli indirizzi disponibili in questo spazio di rete (4 miliardi e 300 milioni circa) si esaurissero in fretta. Il NAT è stato quindi utilizzato per poter nascondere dietro un unico indirizzo pubblico decine e decine di indirizzi privati (e quindi altrettanti device). Nonostante l'introduzione del protocollo IPv6, questa tattica di “mascheramento” degli indirizzi privati è molto utilizzata sia per semplice comodità sia perché capace di garantire un certo numero di vantaggi. Il NAT utilizza un gateway con almeno un'interfaccia connessa alla rete interna e almeno un'interfaccia di rete connessa al web (e quindi all’esterno della LAN). Grazie a questo “portale”, tutti i dispositivi connessi alla LAN potranno accedere a Internet utilizzando, e quindi “consumando”, un singolo indirizzo IP pubblico: quello del gateway stesso. In questo caso il gateway si occupa di fare una traslazione – o traduzione – degli indirizzi IP dei pacchetti in transito attraverso il router stesso: quando un terminale della rete interna effettua una richiesta verso Internet, l'indirizzo IP di partenza risultante sarà quello, pubblico, del gateway stesso e non quello privato del dispositivo che effettua la richiesta; nel caso di pacchetti in entrata, invece, il gateway si occupa di reindirizzare il traffico verso i dispositivi di destinazione appartenenti alla rete modificando l’IP di destinazione di conseguenza.
Il roaming indica la capacità di cellulari, smartphone e dispositivi di connettersi a reti differenti da quella del proprio operatore mobile. Nel settore delle telecomunicazioni mobili, il roaming è un termine tecnico che identifica tutte quelle procedure, tecnologie e norme che permettono ai dispositivi di telefonia mobile di essere rintracciati all'interno di una rete o più reti telefoniche e di essere messi in comunicazione con altri dispositivi appartenenti alla stessa rete o a reti distinte.
Il roaming permanente offre ai dispositivi IoT e M2M la possibilità di utilizzare la connettività dati a livello internazionale senza restrizioni.
Il no permanent roaming offre ai dispositivi IoT e M2M la possibilità di utilizzare la connettività dati a livello internazionale con restrizioni restrizioni temporali.

La SIM card Things Mobile è disponibile in tutti i formati mini (2FF), micro (3FF), nano (4FF), SIM-On-Chip (MFF2 embedded).

È necessario creare un nuovo APN e configurarlo nel modo seguente.

- APN: TM

- Username: (lasciare il campo vuoto)

- Password: (lasciare il campo vuoto)

Si, l’APN è unico per tutti i Paesi in cui Things Mobile ha copertura.

La SIM card Things Mobile ha di default un IP privato dinamico.

La SIM card non è nattata, però essendo presente un firewall l’IP di default è privato.

Si, è possibile richiederlo.

Si, è possibile richiederla.

La SIM card Things Mobile è no-steering.

No, la SIM card Things Mobile non ha scadenza. Consulta le condizioni di contratto per i termini di utilizzo.

Accedi a thingsmobile.com e successivamente alla pagina "LOGIN", quindi clicca "NUOVO UTENTE? REGISTRATI e prosegui compilando il form con tutti i campi richiesti. Agli step successivi scatta una foto al tuo documento di identità, prima al lato con foto e successivamente al lato senza foto. Infine scatta una foto al tuo volto. Attendi l'esito della verifica.
Ottimo acquisto con poca spesa e molto efficiente, venditore in caso di bisogno celere e cortese, è la seconda che acquisto per un traker gps e un antifurto. Molto soddisfatto.

Roberto
Comprata per usare con localizzatore GPS TKSTAR TK905, funziona perfettamente ed è economicissima, il traffico dati è irrisorio quindi il credito è sceso di 1€ in 4 mesi, in precedenza usavo la sim della tim (TIM TAG) e mi costava 3€ al mese. Ottima sim la consiglio.

transalp95
Comprata per usare con localizzatore GPS TKSTAR TK905, funziona perfettamente ed è economicissima, il traffico dati è irrisorio quindi il credito è sceso di 1€ in 4 mesi, in precedenza usavo la sim della tim (TIM TAG) e mi costava 3€ al mese. Ottima sim la consiglio.

Antonio
Scheda adatta per dispositivi quali gps tracker, moduli di controllo gsm/gprs, dispositivi connessi in gsm... Servizi inclusi:
- Sim senza scadenza
- assistenza clienti
- pannello di controllo multi-sim
- utilizzo in 180 paesi senza modifica dell’APN
- costo a consumo

Contro:
Telefonate non disponibili (solo SMS e Internet)

Consigliatissimo.

Angelo
Consegna velocissima. Utilizzata con Tracker Lekemi. Nessun problema di configurazione del traker. Per chi la vuole utilizzare con un tracker, la scheda non ha il pin, per cui saltate le istruzioni che vi dicono di metterla su un cellulare, togliere il pin,...... Una volta attivata la scheda nel sito Things Mobile, inseritela nel traker, configurate il traker secondo istruzioni e tutto va a posto.

Roberto
Premetto che ho atteso alcuni giorni per avere un panorama completo del prodotto, poichè volevo anche monitorarne i consumi. Ho ricevuto nei tempi previsti la schema (Brava Amazon, come sempre) e ho seguito le istruzioni di attivazione, che sono semplici su un portale in lingua italiana. La scheda è immediatamente attiva e operativa, e l'ho subito utilizzata per un GPS tracker che ho testato per alcuni giorni, per vedere la precisione del tracking ma anche i volumi di traffico giornalieri. Ho acquistato questa scheda per valutare se non passare ad un operatore italiano con contratto annuo complessivo con traffico dati abbondante. Debbo dire che se i volumi di traffico sono così contenuti, resterò con Thing mobile, perchè è la soluzione più conveniente per usare il mio gps tracker.

WEB D.
Ricaricabile a consumo davvero idonea per chi possiede un tracker gps. Il gestore manda mail settimanalmente con i consumi, offerte e lista degli sms e delle soglie internet. Sono molto contento di aver il traffico telefonico costantemente monitorato e di spendere poco. Ottima copertura gsm.

Cliente Alazon
Consegna velocissima. Utilizzata con Tracker Lekemi. Nessun problema di configurazione del traker. Per chi la vuole utilizzare con un tracker, la scheda non ha il pin, per cui saltate le istruzioni che vi dicono di metterla su un cellulare, togliere il pin,...... Una volta attivata la scheda nel sito Things Mobile, inseritela nel traker, configurate il traker secondo istruzioni e tutto va a posto.

Mauro
Acquistata per un tracker GPS si é rivelata perfetta ed a costo irrisorio. Consuma solo se viene utilizzata.

Nox
Scheda facile da utilizzare, e attivare, il portale IoT è ben organizzato con tutte le info disponibili in temporeale.

Stefano
Costi contenuti anche per sperimentazione o hobbysti.
Portale chiaro e completo. Limite traffico giornaliero configurabile.
Ottimo il supporto tecnico via mail.

Maurizio B.
Acquistata tempo fa, volevo testarla prima di fare una recensione.
Funziona perfettamente su Tracker gps! nel complesso sono soddisfatto!!

Luca
Perfetta per il traker della Lekemi che ho acquistato con la Sim.
Portale della Things Mobile molto intuitivo.
Ottima assistenza!

Edoardo
La qualità della comunicazione in GPRS è ottima, la SIM si aggancia con tempi molto brevi al primo operatore disponibile e poi funziona correttamente. Super consigliata.
Appena presa un altra in novembre 2018 che utilizzo in macchina per la connessione dati.
Veloce e perfettamente funzionante, ottimo prodotto.

SDS Project
Tra varie offerte di operatori classici della telefonia mobile la soluzione in questione presenta molti vantaggi. Innanzitutto il costo, la facilità di gestione tutta svolta online e la qualità deel servizio. Se, quindi, disponete di dispositivi IoT e necessitate di una SIM per connessioni tipo GPRS etc questa è sicuramente al momento la soluzione migliore.

Maurizio
Abbiamo iniziato la collaborazione con Things Mobile da un anno, acquistando alcune SIM M2M per un progetto di I.o.T. innovativo. Al momento le SIM che abbiamo testato sono risultate molto affidabili ed il costo delle comunicazioni è davvero ottimo per le applicazioni di questo tipo. Siamo soddisfatti e le consigliamo a chi vuole fare I.o.T. con comunicazioni basate su canale mobile!

Andrea L.
ThingsMobile credo sia il virtual provider che ha rivoluzionato il settore della comunicazione IoT attraverso SIM telefoniche. Non solo il rapporto qualità/prezzo è elevatissimo anche il supporto tecnico è estremamente veloce, preciso, professionale, efficace. La copertura è davvero quella pubblicizzata e lo switching automatico tra un operatore e l'altro è la caratteristica che ha consentito di risolvere brillantemente le problematiche di connessione della mia azienda che ci avevano esporto alle inevitabili lamentele dei clienti. Uno dei fattori che decisamente contraddistinguono ThingsMobile è la chiarezza sui costi. Attraverso la piattaforma online (gratuita) è possibile sapere CON PRECISIONE quanto si sta spendendo, come, perchè e con quale operatore! Veniamo da una esperienza catastrofica di cinque anni con altro operatore della telefonia mobile. ThnigsMobile ha consentito di risolvere i nostri problemi semplicemente cambiando la SIM all'interno dei nostri dispositivi che sono in giro un pò in tutta Italia.

Mike
Non ho dato il massimo perché sto apettando la presa Smart Switch GSM le istruzioni su come procedere x l'attivazione della sim sono ottime. Per il resto la sim fa quello che deve fare, ottimo prodotto e ottimo anche la mail di presentazione con le prime info sul prodotto che si riceve nei primi giorni dopo l'ordine. La consiglio.

Gianfranco
Tutto ok assistenza veloce ed efficiente.

Francesca
Finalmente una sim dedicata ai dispositivi IoT, a costi tutto sommato abbordabili anche da hobbysti.
Semplice l'attivazione e l'utilizzo.
Grazie Things Mobile!

Andrea L.
Ho acquistato la SIM Things Mobile per il mio nuovo GPS Tracker.
La SIM è stata semplicissima da attivare, il consumo di traffico è davvero esiguo per l'utilizzo che ne faccio.
Il portale è davvero completo e molto molto dettagliato. Completamente soddisfatto del acquisto.
SIM per M2M consigliatissima.!

Matteo C.
Cercavo una SIM a consumo per l’allarme di casa (Sms) e per il tracker Gps della mia auto Lekemi). L’allarme ha funzionato immediatamente, per il tracker ho dovuto configurare l’apn via sms. Funziona perfettamente, finalmente ho risolto il problema delle ricariche annuali e degli abbonamenti inutili e costosi. Ottimo anche il sito con reportistica dettagliata!

Cliente Amazon
Ho acquistato questa scheda dopo avere letto le buone recensioni su Amazon e devo dire che è perfetta per i device IOT. Il costo di gestione è irrisorio e molto conveniente rispetto ai piani proposti dei carrier nazionali italiani. Per configurare il mio apparecchio non ho speso neanche un euro.
Il costo della scheda è di 22 Euro ( €2 la scheda e 10 Euro di traffico). L'attivazione è semplicissima, da fare sul sito web del carrier, tutto in italiano, si viene seguiti dal momento dell'acquisto sino a dopo l'attivazione. La procedura è semplicissima, basta seguire le indicazioni ricevute via e-mail. La scheda è a consumo, quindi senza spese fisse, se si usa si spende altrimenti il credito rimane invariato. Quando si ricarica per ogni euro si riceve un SMS in omaggio. La scheda fornisce SMS e connessione dati. E' possibile acquistare pacchetti di dati o SMS, ma è da valutare secondo l'uso che si fà della scheda. Funziona perfettamente nei tracker GPS di Lekemi o similari, in generale essendo una normale scheda dati e SMS dovrebbe funzionare in qualsiasi device.
La consiglio assolutamente senza perdere del tempo a vedere le offerte delle compagnie telefoniche.

Cliente Amazon
Era da tempo che cercavo una sim m2m vendibile anche ad utenti privati e non solo ad aziende o possessori di partita iva. Ne ho acquistata una per testarne la funzionalità e controllare gli effettivi costi di utilizzo.
Il portale sembra ben fatto, chiaro e fruibile.
Attualmente con un piccolo progetto di localizzazione la scheda si sta comportando bene!

Ale
Come scritto in altra recensione è importante l'uso che se ne fa, nel mio caso viene usata in una strumentazione GPS topografica e funziona egregiamente. Una volta attivata e configurate nel terminale si è sempre collegata ai vari operatori (Wind e Vodafone fino ad ora) e non ha mai perso il segnale durante l'uso. In 4 mesi dall'acquisto è stata usata solo 4 volte per un totale di 4,19 MB di dati utilizzati e il credito è sceso di 2,40€, può anche sembrare una spesa alta per pochi MB di dati ma ha il vantaggio di collegarsi a qualsiasi operatore e non ha costi fissi mensili. Per questo tipo di utilizzo è perfetta.

Fabio
Ottima SIM non scade mai , dopo la registrazione tutto funziona alla grande vedi il credito dal PC ....

Pietro
La Sim è arrivata il giorno dopo l'acquisto. acquistata per usarla con il GPS TRACKER TKSTAR. funziona bene con la rete WIND. il costo di gestione è bassissimo. ottima soluzione per avere un antifurto a basso costo e senza canoni. Unico problema è che non funziona con la rete TIM che per me resta la migliore rete a livello nazionale. il sito web di gestione è ben costruito e di facile gestione. Ottimo supporto clienti!

Nicola
Cercavo una soluzione per un allarme, che non avesse i tipici problemi di altri operatori, che vanno dal continuo mangrare soldi, anche se non sono usate, e la maledetta scadenza,
Ho trovato questa soluzione, e sto per comprare altre carte, per me, e la consiglio ai miei amici.
Perfetta.

Giacomo
La Sim è arrivata velocemente e fa tutto quello che viene descritto nel contratto con la Things Mobile: 5 stelle sono meritate. Un consiglio: consultate il sito Things Mobile e leggete bene cosa acquistate, sul sito è possibile vedere gli strumenti di gestione delle sim in maniera molto chiara!

Mauro C.
Abbinata ad antifurto satellitare. Svolge perfettamente il suo lavoro!

Marco R.
Spedizione e confezionamento eccellenti, come sempre.
Scheda SIM presa per usarla con un sistema di tracking GPS ( Tkmars905). Inserita, abilitato GPRS e perfettamente funzionante. Nel tempo aggiornerò la recensione in merito ai consumi.

Andrea
Sembra un buon servizio, appena attivata per usarla con un gps tkstar.
Dopo un po' di sms sprecati, per chi avesse il mio stesso problema con things mobile ho notato che bisogna mandare il comando apn123456 tm (con TM scritto in minuscolo!) solo a quel punto ha iniziato a funzionare!

grawa
Davvero molto facile la configurazione dell'Apn. Ho risolto problemi di copertura. Molto intuitivo il portale di gestione della sim. Consiglio per gps tracker e allarmi!

Cliente Amazon
Ho acquistato questa sim per il mio antifurto la configurazione è stata veloce il servizio clienti ottimo ,ora lo messa in funzione è vediamo i risultati il segnale c'è per il resto vediamo per ora soddisfatto!

sergio 54.
SIM molto utile per domotica e sistemi GSM, nel mio caso usata su un dispotico GSM ha funzionato perfettamente con consumi irrisori. Non ho avuto modo di testarla all’estero.

Antonio
Cercavo una sim senza scadenza da utilizzare in un antifuro, l'unica pecca è la mancaza della linea voce ma il tutto è pilotabile via sms. La scheda è stata attivata in un attivo tramite il portale della Things Mobile dedicato, ci sono anche gli sms in regalo ad ogni ricarica!

Luca
Finalmente una sim dedicata ai dispositivi IoT, a costi tutto sommato abbordabili anche da hobbysti.
Semplice l'attivazione e l'utilizzo.
Grazie Things Mobile!

Andrea L.
La uso nel mio sistema antifurto e va benissimo. Non scade mai e pago solo quando la uso!

Giuseppe L.
Ottimo prodotto , per il mondo dell IoT... garantisce la copertura del segnale ovunque . Molto buona anche la tariffa!

Antonaci C.
Avevo bisogno di un paio di sim con indirizzo IP Fisso Pubblico per dispositivo IoT. In poco tempo le ho attivate tramite il loro portale e mi è stato assegnato un indirizzo IP Fisso Pubblico. Per quanto riguarda il supporto tecnico, tramite email, ho ricevuto sempre una tempestiva risposta. La tariffa non sarà delle più economiche ma fanno quello che dichiarano ed i prezzi sono chiari. Sicuramente le consiglio!

Per il momento solo commenti positivi. Encomiabile l'assistenza tecnica sempre rapidissima nelle risposte e oltremodo esaustiva e professionale. Ho utilizzato il prodotto per il collegamento remoto da cellulare del termostato della caldaia di una seconda casa in campagna!

Ottimo prodotto. Finalmente ho risolto il problema della scadenza sim utilizzata nel modulo gsm per allarme di un negozio. Il tutto con costi nettamente più bassi da quanto proposto dai maggiori operatori italiani. La configurazione è stata sufficientemente semplice grazie al tempestivo aiuto via mail del servizio assistenza Thingsmobile!

Davide P.
Se non volete avere tutte le notifiche di accensione e spegnimento, ma solo gli allarmi. Questa SIM fa al caso vostro. Dalla sua ha il prezzo,la facilità di ricarica e la gestione.

Carmelo D.
Ottimo prodotto. Finalmente ho risolto il problema della scadenza sim utilizzata nel modulo gsm per allarme di un negozio. Il tutto con costi nettamente più bassi da quanto proposto dai maggiori operatori italiani. La configurazione è stata sufficientemente semplice grazie al tempestivo aiuto via mail del servizio assistenza Thingsmobile. A breve acquisterò altre due sim da utilizzare con allarme di casa e termostato gsm su seconda casa in montagna.

Cliente Amazon
La scheda è arrivata il giorno dopo l'acquisto. L'attivazione è semplice, in ogni caso il supporto tecnico è valido e tempestivo e presente anche nei giorni festivi. La scheda esce sempre con IP privato, ma si può richiedere l'IP pubblico dal portale che è molto completo per tenere sotto controllo tutte le attività i costi e il traffico. Molto soddisfatto.

Ronald
Sono a consigliare questo operatore per SIM da inserire in macchinari per l'automazione industriale quali ascensori, gps, antifurti rilevatori o impianti meteo.
Ottimo servizio di assistenza

Cliente Amazon
Per allarme sim perfetta. La centrale è in un punto nascosto con poca copertura. Avere un prodotto che va in roaming su tutti gli operatori garantisce la connettività.

Neoroma
Articolo arrivato in tempo record...Configurato con il proprio apparecchio, è molto preciso.

Daniele
Avevo bisogno di un paio di sim con indirizzo IP Fisso Pubblico per dispositivo IoT. In poco tempo le ho attivate tramite il loro portale e mi è stato assegnato un indirizzo IP Fisso Pubblico. Per quanto riguarda il supporto tecnico, tramite email, ho ricevuto sempre una tempestiva risposta. La tariffa non sarà delle più economiche ma fanno quello che dichiarano ed i prezzi sono chiari. Sicuramente le consiglio!

Marco.
La SIM card è molto interessante. L'assistenza tecnica una gran bella sorpresa. La consiglio!

Giulia
Molto conveniente e credito aggiornato settimanalmente tramite sms

Luigi
>SIM facilissima da utilizzare e ottimo sito di gestione, l'ho inserita, ho inviato il codice APN e il mio tracciatore satellitare ha iniziato a funzionare benissimo. Ottima.

Simone

È possibile ordinare le SIM Things Mobile sullo shop on-line oppure contattando i nostri esperti IoT.

Generalmente l'ordine viene spedito entro un giorno lavorativo.

Sono accettati pagamenti con carta di credito, carte di debito e bonifico bancario.

Ti basta aprire un ticket all’interno della sezione “Supporto” o chiamare il numero 800 19 40 16.